Web Analytics

Filtri per Acquario: Guida all’Acquisto

Un buon acquario richiede un buon sistema di filtraggio. Per questo motivo è importante conoscere le caratteristiche dei tipi di filtri che esistono, questo per donare ai propri animali un ambiente in salute e di alta qualità!

Migliori Filtri per Acquario

SCONTATO Fluval A475 Filtro Interno U3 90-150 L
SCONTATO WAVE - Filtro Niagara 190 Spina UK
SCONTATO AKKEE Filtro per Acquario, Valvola di Flusso Regolabile, Acquario Sommergibile Filtro a Cascata Tipo...
Mantovani Pet Diffusion Filtro Eden 501
SCONTATO JBL Filtro Cristallo Profi E902 Greenline per Aquariophilie 900 L/H
SCONTATO Askoll Pratiko 300 3.0 Super Silent Filtro Esterno per acquari Fino a 330 Litri New 2019, Nero
Invalid table id.

A cosa servono i filtri per acquario?

Possiamo iniziare col dire che un filtro si divide in due scomparti, quello meccanico composto dalle spugne e quello biologico dove proliferano i batteri che aiutano l’acquario a vivere come dovrebbe. Dunque, possiamo dire che il filtro serve a creare il giusto equilibrio in acquario, riducendo lo sporco e le sostanze tossiche. Attraverso il ciclo dell’azoto vengono prodotte sostanze non sopportabili per i pesci, all’interno del sistema di filtraggio queste vengono trasformate in qualcosa di accettabile per i pesci. Le sostanze tossiche rimanenti verranno poi eliminate con il cambio d’acqua!

Ciclo dell’azoto in acquario

I filtri per acquario sono essenziali per il ciclo dell’azoto è un processo biologico naturale che ha come elemento essenziale l’azoto, necessario per lo sviluppo di ogni vita biologica. In acquariofilia è presente sotto forma di ammoniaca (NH3), nitriti (NO2) e nitrati (NO3).

Lo potremmo dividere nei tre seguenti punti per rendere il tutto più chiaro:

1. i rifiuti organici espulsi dai pesci, le foglie morte e gli avanzi di cibo si   decompongono e danno origine all’ammoniaca;

2. le famiglie di batteri Nitrobacter, che proliferano all’interno del nostro acquario, trasformeranno l’ammoniaca in nitriti, una sostanza tossica composta da azoto e ossigeno che deve essere pari a 0mg/l;

3. nel terzo gradino altre famiglie di batteri convertono i nitriti in nitrati: un composto chimico non tossico, che può essere presente in piccole dosi nella nostra vasca. Il valore andrà mantenuto basso con dei cambi d’acqua parziali e regolari. 

Per avere dei valori stabili bisogna avere l’accortezza di:

1. mantenere il giusto equilibrio tra individui e litri d’acqua e non esagerare con il cibo, che dovrà essere consumato dai pesci entro un massimo di 4/5 minuti;

2. utilizzare un filtro adeguato al volume della vasca. Infatti, se ne mettessimo uno troppo potente, la circolazione dell’acqua sarebbe così veloce da non permettere ai batteri di fare presa sui materiali filtranti, mentre se fosse lenta, quindi con un filtro con portata ridotta, il carico organico sarebbe troppo alto per la quantità di batteri che proliferano perciò si avrebbero dei picchi di sostanze inquinanti molto alti;

3. effettuare i cambi d’acqua con regolarità;

4. piantumare molto. Le piante con l’aiuto di CO2 somministrata in acquario attraverso l’ausilio di bombole, consumeranno più nitrati e produrranno più ossigeno. 

Per tenere il tutto sotto controllo, ci vengono forniti dei test per acquario che ci mostrano quali sono i valori della nostra acqua.

Quali tipi di filtri per acquario esistono?

I filtri esistono di ogni dimensione e portata, ma si dividono in tre macrocategorie cioè filtro interno, esterno e a zainetto. Scopriamo quali sono le loro caratteristiche!

Filtro Interno

Il filtro interno è adatto ad acquari di medie dimensioni, ti capiterà di vederli anche in acquari di dimensioni ridotte. Non sono adatti a questo scopo però perché tolgono molto spazio per il nuoto!

Filtro a Zainetto

Questi sono filtri per acquari da 30 litri in giù perché alloggiano esternamente, questo significa che faranno in maniera egregia il loro lavoro ma non ti daranno alcun tipo d’intralcio in vasca. L’intero spazio dell’acquario sarà dedicato al nuoto dei pesci. Altra caratteristiche è che sono molto facili da pulire, dato che non dovrai mettere le mani in acqua ma solo estrarre il materiale filtrante alzando il coperchio di alloggiamento!

Filtri Esterni

I filtri esterni sono perfetti per acquari dai 300 litri in su. Infatti vasche di questa portata non poterebbero mai essere gestiti correttamente con le altre due categorie di filtraggio, questo perché bisogna garantire una pulizia continua in acquario ed evitare che si intasino!

Ultimo aggiornamento 2021-10-14 at 13:26 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Errori D'Acquariofilia
Logo
Enable registration in settings - general